Facebook Flickr YouTube Google Maps E-mail RSS
formats

Cittadinanza e partecipazione: se ne parla con il Lab-Unico

Published on 26 novembre 2013, by in Comunicati.

Il Comitato, nato dai laboratori verso il Comune Unico, sabato 30 a Figline incontra il prof. Toschi

 

“Cittadinanza e partecipazione nel Comune unico”. Questo il titolo del primo evento promosso da Lab-Unico, il comitato civico nato da un gruppo di cittadini che hanno preso parte ai laboratori del percorso partecipativo verso il Comune Unico di Figline e Incisa attivati nel settembre 2012 con il sostegno del Communication Strategies Lab dell’Università di Firenze (CSL), e che poi hanno dato vita al “Comitato per il si al Comune Unico”. Adesso l’obiettivo di Lab-Unico è di rendere stabile il processo di partecipazione tra i cittadini e l’amministrazione comunale iniziato proprio con l’esperienza dei laboratori.

L’iniziativa si terrà sabato 30 novembre alle ore 15 al centro sociale “Il Giardino” in via Roma a Figline, dove, oltre ai membri del comitato civico, interverranno anche il direttore del CSL, Luca Toschi e i sindaci di Figline e di Incisa, Riccardo Nocentini e Fabrizio Giovannoni, che hanno espresso la loro “piena soddisfazione per la nascita di questo nuovo interlocutore, a dimostrazione che – hanno spiegato – il percorso intrapreso sulla scia del Comune Unico ha creato partecipazione e interesse: ma questo ‘viaggio’ non è ancora terminato, quindi siamo ben contenti di poter contare sugli stimoli e sulle osservazioni del comitato Lab-Unico”.

L’obiettivo dell’incontro di sabato prossimo è finalizzato alla individuazione degli strumenti e dei mezzi con i quali la partecipazione può diventare “sistema” in seno alla collettività civile del futuro Comune Unico. Pertanto tutte le associazioni del territorio, i circoli e gli enti sono invitati ad intervenire durante il dialogo per offrire il proprio contributo specifico in relazione a proposte, attese o possibili dubbi sul futuro.

Per ricevere informazione invia una mail a lab-unico@comunicofiglineincisa.it.

formats

Comune Unico: il caso Figline-Incisa all’Università di Bologna

Oggi si è tenuto un convegno per parlare di “Fusione dei Comuni e cittadini”

 

Questa mattina a Bologna presso Palazzo Hercolani, sede della facoltà di Scienze politiche, si è parlato di “Fusione dei Comuni e cittadini”, un convegno promosso dall’Università di Bologna con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna.

Ai saluti del direttore del dipartimento di Scienze Politiche, Fabio Giusberti, sono seguiti gli interventi della vicepresidente della Regione Emilia-Romagna, Simonetta Saliera, su “La Regione e la politica di promozione della fusione dei Comuni”, del prof. Roberto Bin dell’Università di Ferrara su “Il processo di fusione dei Comuni e il coinvolgimento dei cittadini”, della prof.ssa Bruna Zani dell’Università di Bologna su “La fusione dei Comuni: la sfida del cambiamento” e del prof. Rodolfo Lewanski dell’Università di Bologna su “La promozione da parte delle Regioni della partecipazione locale”.

Nella seconda parte del convegno ci sono stati i contributi di Daniele Ruscigno (sindaco di Monteveglio) e di Andrea Felicetti dell’Australian National Università che hanno illustrato il caso di fusione di Comuni della Valsamoggia, mentre il sindaco di Figline, Riccardo Nocentini ha illustrato il caso di Figline e Incisa con Valerio Iossa (dirigente responsabile del progetto), Samuele Venturi (responsabile informazione e comunicazione) e Gianluca Simonetta del Communication Strategies Lab dell’Università di Firenze. Le conclusioni sono invece state affidate a Luigi Benedetti, direttore generale dell’Assemblea legislativa e Tecnico di Garanzia in materia di partecipazione.

formats

Mostra artisti locali: taglio nastro anche a Incisa

Published on 27 giugno 2013, by in Eventi, Partecipazione.

Museo d’Arte sacra gremito per inaugurazione mostra e concerto ensemble InCanto

 

formats

Aperta la galleria con le opere degli artisti locali

Oggi inaugurazione mostra pittorica a Figline, giovedì 27 giugno si replica al Museo d’Arte sacra di Incisa

 

Taglio del nastro questo pomeriggio per la mostra degli artisti di Figline e Incisa, che esporranno le loro opere in questa collettiva promossa dalle due Amministrazioni nell’ambito del percorso partecipativo verso la fusione dei Comuni.

L’esposizione delle opere avverrà su due sedi, il Museo d’Arte sacra di Incisa (via Castellana) e il Palazzo Pretorio di Figline (piazza San Francesco), dove oggi si è aperta la prima sessione che porta in mostra i lavori di Giuseppe Barsciglié, Sara Cenci, Angela Del Sarto, Celeste Di Luca, Mirjana Malovic, Slobodanka Malovic, Viola Mantovani, Maristella Marsana, Cecilia Meli e Lorena Nocentini. Dal 13 al 28 luglio, invece, esporranno sempre nella sede figlinese Leticia Berriel, Antonella Bottacci, Marta Del Carmen Palacios, Luciana Gabellini, Lorenzo Gonnelli, Lucia Gonnelli, Neda Mathis, Salvatore Pagliarello, Gilda Pinzuti e Loris Sandrucci. Le gallerie di Figline si potranno visitare dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19, il sabato e la domenica dalle 16 alle 19.

Dal 27 giugno al 21 luglio gli stessi artisti terranno in mostra le proprie opere a Incisa, al Museo d’Arte sacra presso l’Oratorio del Crocifisso in via Castellana. Anche in questo caso ci sarà una inaugurazione in programma giovedì 27 alle ore 21 e sarà seguita dal concerto del gruppo ensemble InCanto: la mostra sarà visitabile il sabato e la domenica dalle 16 alle 19.

“Fa molto piacere l’entusiasmo con il quale questi artisti hanno raccolto la nostra idea – hanno commentato Caterina Cardi e Margherita Ghiandelli, assessori alla Cultura di Figline e di Incisa -, che vuol essere una sorta di vetrina per valorizzare le loro opere e il tessuto artistico delle nostre città, che tra poco meno di sei mesi diventeranno un Comune Unico”.

 

 

formats

Il nuovo Comando della Polizia Municipale è operativo

Published on 20 giugno 2013, by in Comunicati, Eventi.

Stamani l’inaugurazione della nuova sede in piazza della Fattoria. Consegnati encomi speciali ad agenti

 

Apertura ufficiale questa mattina per il nuovo Comando della Polizia Municipale dell’Unione dei Comuni di Figline e Incisa Valdarno, che trova posto nei locali ristrutturati dell’ex granaio dell’Istituto Degli Innocenti in piazza della Fattoria a Figline.

Si tratta di oltre 300 metri quadri di superficie che rendono la nuova sede operativa più funzionale alle esigenze di servizio e più accessibile da parte dei cittadini. I lavori sono iniziati nel giugno 2012 (costo 430mila euro) ed hanno previsto la ristrutturazione completa della struttura, ricavandone 7 vani adibiti ad uffici, più servizi, armeria, camera di sicurezza e sala di video-sorveglianza. L’ingresso è sotto l’arco di via Degli Innocenti (lato cappellina della Mota); il numero di telefono resta invariato (055.953025) mentre l’orario di apertura al pubblico viene esteso anche a tutta la giornata del sabato (lunedì-sabato con orario 8-19).

“La volontà delle Amministrazioni di dotare di una nuova sede la Polizia Municipale sull’onda del processo di creazione del comune unico – ha detto il comandante Daniele De Sanctis – apre un nuovo scenario dialettico tra istituzioni e società civile, individuando diverse prospettive di miglioramento relative alle condizioni operative e lavorative degli addetti, all’efficienza del servizio e al rapporto tra cittadino e istituzioni. Questa sede rappresenta un vero fiore all’occhiello in termini di efficienza e di innovazione tecnologica, tanto da poter competere con Comandi di realtà molto più estese e popolose della nostra. Quindi ringrazio le Amministrazioni per aver puntato in maniera decisa sul potenziamento e il miglioramento operativo del nostro servizio, sempre volto a garantire lo stato di legalità e di pacifica convivenza della comunità che ci è stata affidata”.

Dopo la benedizione e la visita dei locali, i sindaci di Figline e Incisa, Riccardo Nocentini e Fabrizio Giovannoni, hanno consegnato insieme all’assessore Daniele Raspini alcuni encomi speciali agli agenti che si sono distinti in particolari attività di servizio, ovvero il comandante Daniele De Sanctis, l’ispettore Edoardo Morrocchi, l’agente scelto Stefano Allori, l’ispettore Gabriele Borbui e l’agente scelto Antonia Provvisionato.

“Un riconoscimento particolare per questi agenti che si sono distinti per il loro operato – hanno spiegato Nocentini e Giovannoni -, ma un grazie sincero all’intero Corpo per il lavoro che ogni giorno svolge al servizio della nostra comunità, a contatto con una realtà sempre più difficile e delicata. Il nuovo Comando – hanno proseguito i sindaci – rappresenta un’importante opera pubblica in vista della nascita del Comune unico di Figline e Incisa: la vecchia sede oramai non era più funzionale alle tante e molteplici attività della Polizia Municipale, quindi era necessario effettuare questo trasferimento. Abbiamo scelto piazza della Fattoria, una delle nuove centralità dell’abitato di Figline, in una palazzina storica ma all’avanguardia, che permetterà un miglior presidio del territorio, facilitando l’attività di prevenzione dei crimini a vantaggio della sicurezza di tutti noi”.

All’inaugurazione hanno preso parte i comandanti delle limitrofe stazioni di Polizia Municipale, gli ex comandanti Roberto Galeotti, Roberto Gattai, Roberto Panasci e il viceprefetto vicario Antonio Lucio Garufi.

Si ricorda inoltre che da questa settimana fanno parte del Corpo di Polizia Municipale tre nuove vigilesse che saranno impiegate per lo più come agenti di prossimità sul territorio. Chi svolge questo tipo di servizio è direttamente contattabile al numero di cellulare 334.6065619 dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19 di tutti i giorni feriali, mentre a Incisa il numero è il 334.6065675 ed è reperibile il lunedì dalle 15 alle 19, il mercoledì e il venerdì dalle 9 alle 13.

 

formats

Mostra collettiva per gli artisti di Figline e Incisa

Il 22 giugno inaugurazione della galleria al Palazzo Pretorio, il 27 al Museo d’Arte sacra di Incisa

 

Sono 20 gli artisti di Figline e Incisa che hanno risposto al bando lanciato dalle due Amministrazioni comunali per una mostra collettiva che vuol valorizzare il patrimonio artistico locale e promuovere la cultura come legame tra due città che dall’1 gennaio 2014 saranno un comune unico.

La prima galleria ad essere inaugurata sarà quella al Palazzo Pretorio di Figline sabato 22 giugno alle ore 16. In questa prima sessione (fino al 7 luglio) ad esporre saranno Giuseppe Barsciglié, Sara Cenci, Angela Del Sarto, Celeste Di Luca, Mirjana Malovic, Slobodanka Malovic, Viola Mantovani, Maristella Marsana, Cecilia Meli e Lorena Nocentini. Dal 13 al 28 luglio, invece, esporranno nella sede figlinese Leticia Berriel, Antonella Bottacci, Marta Del Carmen Palacios, Luciana Gabellini, Lorenzo Gonnelli, Lucia Gonnelli, Neda Mathis, Salvatore Pagliarello, Gilda Pinzuti e Loris Sandrucci. Le gallerie di Figline si potranno visitare dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19, il sabato e la domenica dalle 16 alle 19.

Dal 27 giugno al 21 luglio gli stessi artisti terranno in mostra le proprie opere a Incisa, al Museo d’Arte sacra presso l’Oratorio del Crocifisso in via Castellana. L’inaugurazione si terrà giovedì 27 alle ore 21 e sarà seguita dal concerto del gruppo ensemble InCanto: la mostra sarà visitabile il sabato e la domenica dalle 16 alle 19.

“Il nostro è un territorio davvero ricco sotto il profilo artistico, specialmente nella pittura – hanno spiegato Caterina Cardi e Margherita Ghiandelli, assessori rispettivamente di Figline e di Incisa -. Ci sono tante persone che coltivano questa passione o che ne hanno fatto un vero e proprio lavoro, quindi le Amministrazioni hanno deciso di promuovere questa bella iniziativa inserendola nel percorso verso la fusione dei due comuni, con l’obiettivo di unire queste due comunità anche attraverso la cultura”.

formats

Intervista su Isoradio ai sindaci Nocentini e Giovannoni

Published on 14 giugno 2013, by in Istituzioni.

 

formats

Sabato il sindaco Giovannoni a Monteroni d’Arbia per parlare di fusioni Comuni

Published on 13 giugno 2013, by in Comunicati, Istituzioni.

 

Sabato 15 giugno alle ore 9 il sindaco di Incisa, Fabrizio Giovannoni, sarà ospite del PD di Monteroni d’Arbia (sala conferenze Casa del Popolo loc. Ponte d’Arbia) per parlare di “Quale futuro per il sistema istituzionale senese”, un seminario di approfondimenti e di analisi sul superamento dell’Amministrazione provinciale, sulle unioni, fusioni e gestioni associate di funzioni e servizi dei Comuni senesi.

Interverranno Niccolo Guicciardini (segretario provincia PD Siena), Daniele Cortonesi (segretario circolo PD Ponte d’Arbia), Giuseppe Stasi, Roberto Rappuoli (presidente Unione Comuni Amiata-Valdorcia), Bruno Valentini (sindaco di Siena), Simone Bezzini (presidente Provincia di Siena), Marco Spinelli (consigliere regionale PD), Vittorio Bugli (assessore Regione Toscana).

Hanno garantito la loro presenza anche i parlamentari Susanna Cenni e Luigi Dallai e il consigliere regionale Rosanna Pugnalini, Jacopo Armini Sindaco di Monteroni d’Arbia e Marco Mariotti, Sindaco di Buonconvento.

formats

E’ ufficiale: l’1 gennaio 2014 nasce il Comune di Figline e Incisa

Published on 12 giugno 2013, by in Comunicati, Istituzioni.

Il Consiglio regionale della Toscana ieri ha approvato all’unanimità la legge di fusione dei comuni

 

“Adesso c’è anche il ‘sigillo’ della Regione”. E’ il primo commento dei sindaci di Figline e Incisa, Riccardo Nocentini e Fabrizio Giovannoni, alla notizia che il Consiglio regionale della Toscana ha approvato all’unanimità la legge per la fusione dei due comuni valdarnesi, che a partire dall’1 gennaio 2014 si estingueranno per divenire il Comune di Figline e Incisa Valdarno (24mila abitanti).

Il via libera della Regione è avvenuto sulla scorta dell’ottimo risultato nel referendum del 21 e 22 aprile scorsi (4.151 voti per il SI e 1.734 per il NO) e dopo il passaggio positivo nella Commissione regionale Affari istituzionali. Dunque dall’1 gennaio 2014 i due comuni saranno estinti e tutti gli organi istituzionali (sindaci, giunte e consigli comunali) decadranno dalle loro funzioni ed i componenti cesseranno dalle loro cariche. Fino all’insediamento dei nuovi organi dopo le elezioni amministrative, le funzioni degli organi di governo dei comuni saranno esercitate da un commissario di nomina statale. Entro il 31 dicembre 2013 i sindaci, d’intesa tra loro, definiranno l’organizzazione amministrativa provvisoria e l’impiego del personale. Per quanto non stabilito dall’intesa, o in assenza di essa, deciderà il commissario.

L’istituzione dei nuovi comuni non priva i territori montani dei benefici e degli interventi speciali previsti dall’Unione europea, da leggi statali e regionali. Tutti gli atti amministrativi generali, i piani, i regolamenti, gli strumenti urbanistici ed i bilanci restano in vigore, fino a quando il commissario o gli organi dei nuovi comuni assumeranno nuovi atti corrispondenti.

Per il nuovo comune saranno tanti i vantaggi economici-organizzativi: si taglieranno le spese della politica con la riduzione di 1 sindaco, 5 assessori e 16 consiglieri e staff di supporto (200mila euro annui), si riceveranno finanziamenti da Stato e Regione per circa 13 milioni di euro in 10 anni (da destinare per abbattimento tasse e altri investimenti), si risparmierà grazie alle economie di scala (Irpet ha stimato circa 600mila euro annui) e sarà sbloccato il Patto di stabilità per 3 anni (nel caso di Figline e Incisa sono 27 milioni di euro di interventi da far partire subito).

“Adesso che è stata approvata in via definitiva la legge regionale siamo certi che dall’1 gennaio 2014 nascerà il nuovo comune unico di Figline e Incisa Valdarno – hanno detto i sindaci Riccardo Nocentini e Fabrizio Giovannoni -. Oggi più che mai, forse perfino più del giorno in cui abbiamo iniziato a pensare alla fusione, crediamo che questa sia l’unica strada concreta per tornare a progettare e ad investire sul territorio senza tagliare i servizi alle nostre comunità: oggi lo diciamo ancora con più forza, perché come sindaci ci rendiamo conto quanto sia difficile chiudere i bilanci dei nostri comuni”.

formats

Via libera alla fusione dalla Commissione regionale

Published on 6 giugno 2013, by in Comunicati, Istituzioni.

Il 4 giugno la Commissione Affari istituzionali ha preso atto degli esiti positivi del referendum

 

L’istituzione dei due nuovi comuni di Figline e Incisa Valdarno e Castelfranco Piandiscò sta per entrare in fase operativa. All’unanimità la Commissione Affari istituzionali, presieduta da Marco Manneschi (IdV), ha preso atto dei risultati referendari ed ha licenziato le relative proposte di legge. Nella consultazione del 21-22 aprile scorsi sulla fusione gli elettori di Castelfranco di Sopra e Piandiscò si sono pronunciati con 1.867 voti a favore e 1.432 contro, mentre quelli di Figline Valdarno ed Incisa Valdarno con 4.151 sì e 1.734 no.

Dal 1° gennaio 2014 i comuni oggetto della fusione saranno estinti. I sindaci, le giunte ed i consigli comunali decadranno dalle loro funzioni ed i componenti cesseranno dalle loro cariche. Fino all’insediamento dei nuovi organi dopo le elezioni amministrative, le funzioni degli organi di governo dei comuni sono esercitate da un commissario di nomina statale. Sul punto è intervenuto il vicepresidente Alessandro Antichi (PdL), ribadendo il voto favorevole a condizione che rimanesse a verbale la competenza dello Stato. Entro il 31 dicembre 2013 i sindaci, d’intesa tra loro, definiranno l’organizzazione amministrativa provvisoria e l’impiego del personale. Per quanto non stabilito dall’intesa, o in assenza di essa, deciderà il commissario. L’istituzione dei nuovi comuni non priva i territori montani dei benefici e degli interventi speciali previsti dall’Unione Europea, da leggi statali e regionali.

Tutti gli atti amministrativi generali, i piani, i regolamenti, gli strumenti urbanistici ed i bilanci restano in vigore, fino a quando il commissario o gli organi dei nuovi comuni assumeranno nuovi atti corrispondenti. In via transitoria con riferimento a Castelfranco Piandiscò vengono individuate alcune norme per garantire il buon funzionamento dell’Unione dei comuni del Pratomagno.

credit
© COM-UNICO | Tutti i diritti riservati.